fbpx

Cos’è la diastasi dei muscoli retti

14 Dicembre 2020

Ultimamente si parla molto di diastasi dei muscoli retti dell’addome, una patologia che colpisce molte donne durante il loro post parto ma che può essere anche conseguenza di un forte dimagrimento o presentarsi a seguito di pregressi interventi chirurgici. E’ una patologia che può interessare anche gli uomini.

Cosa si intende?

Con diastasi dei retti addominali si intende l’eccessiva separazione longitudinale dei muscoli addominali, che allargandosi si allontanano eccessivamente dalla linea mediana, detta anche linea alba. Questa, costituita da una fascia di tessuto connettivo sottile ma molto resistente, serve a tenere unito il muscolo di destra a quello di sinistra, contendendo così gli organi interni.

Durante la gravidanza, così come in un addome globboso dovuto ad un eccessivo aumento ponderale, con l’aumento del volume dell’utero, la linea mediana tende ad assottigliarsi e consumarsi, portando alla separazione dei muscoli retti dell’addome, lasciando così una fenditura tra i muscoli.
In alcuni casi, durante un intervento chirurgico questa struttura può essere lacerata.

La diastasi, quando è conseguenza fisiologica della gravidanza, nella maggior parte dei casi tende a risolversi spontaneamente entro i primi 12 mesi dopo il parto, con i muscoli che tornano parzialmente alla loro posizione precedente.

Per molte donne, invece, la diastasi diventa una patologia definitiva da trattare attraverso la chirurgia correttiva, soprattutto quando i muscoli non si richiudono in modo naturale e la distanza tra i retti addominali supera i 30-40 mm.

Come riconoscerla?

Oltre diversi problemi estetici – i più comuni sono la pancia gonfia anche dopo diversi mesi dal parto e la formazione di una “pinna” lungo la linea alba- la diastasi porta notevoli disagi fisici, complicanze come incontinenza, ernia ombelicale o iatale, senso di pesantezza al pavimento pelvico, lombalgie e dolori addominali, creando notevoli disagi e fastidi alla paziente.

Nonostante i numerosi video online su come fare un’autovalutazione, la vera diagnosi di diastasi dei retti addominali deve essere eseguita con un esame obiettivo da un medico, solo attraverso un’ecografia della parete addominale o tramite una risonanza magnetica è possibile valutare con precisione la severità, la presenza di ernie anche se piccole e, volendo, lo spessore della parete addominale e, in caso di esito positivo alla patologia, è opportuno trattarla.

I casi di diastasi molto leggera possono essere trattati eseguendo esercizi di ginnastica ipopressiva con l’ausilio di un fisioterapista mentre i casi di diastasi severa, quando cioè la separazione dei retti è molto netta, è necessario sottoporsi a un intervento al fine di chiudere chirurgicamente l’incavo che si è creato tra i muscoli.

Come avviene l’intervento chirurgico di chiusura?

L’intervento d’elezione è l’addominoplastica con plicatura dei muscoli retti dell’addome, intervento in cui attraverso un’incisione sopra al pube, i muscoli del retto addominale vengono avvicinati e suturati insieme tramite la ricostruzione della linea mediana, al fine di chiudere la diastasi.
L’operazione si svolge in anestesia generale e può durare fino a tre ore.

Nei casi di diastasi più grave, con rischio di recidiva o con tessuti particolarmente sfibrati, si può ricorrere all’inserimento di una rete, una protesi di prolene o polipropilene utilizzata come rinforzo per fissare i muscoli del retto dell’addome. 

All’intervento di addominoplastica per la chiusura dei retti dell’addome, se la paziente lo desidera, può essere abbinato un rimodellamento del corpo tramite liposuzione o un mommy makeover.

Per avere maggiori informazioni sulla mastoplastica additiva a Roma o sulla mastoplastica additiva a Milano e i suoi costi contattami su Whatsapp per una consulenza in uno dei miei studi, presenti anche a Caserta e Den Haag (NL).

Guarda la gallery sulla correzione della diastasi addominale prima e dopo.

se l'articolo ti è piaciuto,
condividilo sui social

Potrebbero interessarti

FISSA UN APPUNTAMENTO

LASCIA I TUOI DATI E SARAI RICONTATTATO IL PRIMA POSSIBILE

sei già iscritto alla newsletter? NON PERDERE I NUOVI ARTICOLI pubblicati sul BLOG!

Iscrivendoti alla newsletter, accetterai le condizioni indicate nella Privacy Policy del sito